Sembra che per l’assistente vocale di Apple la nuova funzionalità introdotta con iPhone 4s ci siano problemi in tutto il mondo, da una parte Class Action, e dall’altra, in Giappone, funzionalità non all’altezza.

Già dalla sua uscita vi ho parlato dei problemi e limiti che Siri ha, infatti in questo articolo vi avevo parlato dei suoi limiti, ora però la Apple si trova ad affrontare una vera  e propria battaglia con gli utenti che si dicono insoddisfatti dell’ assistente vocale.

Per primo appena ieri si è scoperto che un utente in USA ha fatto causa ad Apple per il malfunzionamento di Siri, la quale secondo lui viene pubblicizzata in maniera sbagliata e le vengono attribuite funzionalità che in verità non ha, tale Frank Fazio infatti insieme al suo avvocato ha citato Apple che dal canto suo non ha dato risposta non rilasciando dichiarazioni.

L’utente in più è convinto a ricercare nuove persone per fare una Class action per questo motivo, ma i problemi non sono solo questo, proprio da qualche giorno dall’uscita di Siri anche in Giappone molte persone del Sol levante hanno lamentato che Siri in realtà non funzioni come dovrebbe nella loro lingua ed infatti in questo articolo viene anche mostrato il video in cui l’assistente vocale di Apple viene paragonata ad un’altra di Android, la quale riesce a rispondere ad alcuni quesiti cui Siri non riesce.

Siri è una versione beta come dice Apple ma gli utenti pagano questa funzionalità, è giusto quindi che venga venduta?

Nessun Commento

LASCIA UNA RISPOSTA