Una guida per tutti i possessori di questo pratico e maneggevole smartphone Android per poter eseguire Root, bootmenu ed installare la recovery ClockWork Mod.

In questa guida vi verrà spiegata la guida e tutti i requisiti per poter ottenere i permessi massimi e privilegi necessari ad ottenre il pieno controllo sul dispositivo e quindi anche ad installare le custom ROM come Ginger bread e Ice Cream Sandwich

Requisiti

-Motorola defy e un PC Windows

Android Debug Bridge disponibile qui

-Driver Motorola scaricali qui e riavvia il PC

Rage Against the Cage disponibile qui l’exploit per ARM5

-Applicazione SuperUser

-BootMenu 0.6.1

Guida:

-Installate i driver Motorola e riavviate il PC se non avete fatto

-Estraete il contenuto di Bootmenu.zip in una cartella denominate “bootmenu”

-Connettete ora il Motorola al PC via USB

-Copiate la cartella Bootmenu nella scheda SD specificatamente nella root della scheda

Estraete il contenuto di ADB_Fastboot_Windows.zip in una cartella sul PC

-Estraete ora il contenuto del file su-2.3.6.3-efgh.zip nella stessa cartella di ADB_fastboot_Windows.zip

-Aprite ora la cartella dove avete riposto i dati dei due pacchetti e potrete notare un file denominato Start_here.bat cliccate due volte sopra e si aprirà il prompt dei comandi

-Controllate se ADB riesce a visualizzare il dispositivo digitando i seguenti comandi :

adb devices

Se vi viene mostrato il seriale del dispositivo potete continuare

-Inserite i seguenti comandi:

  • adb push rageagainstthecage-arm5.bin /data/local/tmp/
  • adb shell
  • chmod 755 /data/local/tmp/rageagainstthecage-arm5.bin
  • /data/local/tmp/rageagainstthecage-arm5.bin

Attendete che l’exploit abbia terminato il suo lavoro

-Ora inserite queste righe di comando:

  • exit
  • adb kill-server
  • adb start-server
  • adb shell

Questo comando servirà a capire se l’exploit è andato a buon fine, se sarà così otterrete il seguente simbolo “#” se no continuerete a visualizzare “$” e nel caso dovete ripetere il procedimento dal punto”Controllate se ADB…”

-Ora una volta fatto procedete con i seguenti comandi

  • mount -o rw,remount /system

oppure se questo fallisce

mount -o remount,rw -t ext3 /dev/block/mmcblk1p21 /system


  • exit
  • adb push su /system/xbin/
  • adb shell chmod 4755 /system/xbin/su
  • adb push Superuser.apk /system/app/

Ora avete “rootato” il Motorola Defy ora per installare il Bootmenu eseguite questi comandi:

  • adb shell
  • su
  • cp -R /sdcard/bootmenu /data/bootmenu
  • cd /data/bootmenu
  • chmod 755 *
  • ./install.sh
  • rm -R /data/bootmenu

Ora per verificare la buona riuscita di tutte le operazioni :

Spegnete il dispositivo riaccendete solo con power e quando vedete il led blu accendere premete “volume giù”

-Se tutto è andato bene vi deve apparire il bootmenu

Bene complimenti avete effettuato Root e bootmenu al vostro Motorola Defy!




Nessun Commento

LASCIA UNA RISPOSTA