Come disinstallare applicazioni di default in Android

Come disinstallare applicazioni di default in Android

Disinstallare applicazioni di default in Android. Una guida che vi spiega come disinstallare le applicazioni che in Android sono presenti di default in alcuni smartphone e tablet. Ogni casa produttrice personalizza il sistema operativo e imposta di default alcune app pre-caricandole all’interno. Alcune volte, per bisogno di maggiore spazio, o semplicemente per nostra volontà, vogliamo disinstallare queste applicazioni, e per riuscire nell’intento abbiamo bisogno di un po’ di pazienza ed alcuni tool.

Disinstallare applicazioni di default, come stavamo accennando quindi, è un’operazione che può tornare utile in diverse occasioni. Molti user infatti non voglio che applicazioni di default occupino spazio inutile sul loro dispositivo, e per questo, noi di TelephoneLine.it, abbiamo trovato utile stilare una guida che permetta di capire come cancellare questi programmi futili e non utilizzati.

Eliminare applicazioni di default con Root Uninstaller

Farlo in sostanza sarà molto semplice, infatti, tutto quello di cui abbiamo bisogno è una semplice applicazione gratuita disponibile sullo store di Android che si chiama Root Uninstaller. Con Root Uninstaller avremo l’occasione di eliminare per sempre queste app in un battito di ciglia. L’eliminazione richiede solo due semplici passaggi riassumibili in poche righe:

- Installare da Google Play l’applicazione Root Uninstaller

- Aprire l’applicazione, dal menù selezionare l’app indesiderata quindi “tap” su Uninstall. 

Unico neo di questa stupenda e facilissima applicazione è che richiede il root, proprio come lo stesso nome suggerisce, e perciò, è inutilizzabile nel caso in cui sul vostro dispositivo non abbiate ottenuto tali privilegi di amministrazione. Al momento è l’unica alternativa possibile, infatti per poter disinstallare applicazioni di default in Android sono richiesti tali permessi di root senza i quali è impossibile far nulla.

Come avrete capito insomma la possibilità quindi c’è, e può tornare utile in quei casi in cui gli sviluppatori si sono dati da fare per creare il procedimento di root per alcuni dispositivi. Altra procedura simile, ma che richiede sempre un telefono con privilegi di root, è quella che abbiamo scritto qui: Disinstallare applicazioni con Link2SD. Di seguito il download dell’applicazione dopo un semplice supporto al lavoro svolto con un “mi piace”, +1 o follow.

Errori? Non riesci a procedere? Fai la tua domanda