Backup WhatsApp

Vediamo insieme come salvare lo storico delle conversazioni e quindi effettuare un backup di WhatsApp per iPhone,  Android, Windows Phone e BlackBerry. Un backup che potremo poi importare sul nostro prossimo smartphone, conservando quindi tutte le nostre conversazioni passate.

In una recente discussione sul forum di NSS abbiamo affrontato l’argomento backup di WhatsApp. La famosa applicazione che ormai da diversi mesi spopola sulle diverse piattaforme ha fatto discutere sulla possibilità o meno di effettuare backup e salvare lo storico delle conversazioni.

WhatsApp dove salva le nostre conversazioni?

Purtroppo la diffusa app di chat non prevede nessuna impostazione chiara e specifica di import/export, e molte volte, lascia l’utente confuso sul procedimento da attuare. Dobbiamo innanzi tutto capire bene a cosa ci stiamo riferendo. WhatsApp, in tutte le sue versioni per i diversi sistemi operativi, conserva online alcuni dei nostri dati quali ad esempio, la foto del nostro profilo, il messaggio di stato, i nostri contatti, ed i gruppi di cui facciamo parte.

Diversamente, l’applicazione, in tutte le piattaforme, non conserva sui propri server online lo storico delle nostre conversazioni. Il motivo presumiamo sia legato alla privacy, e forse ad una questione legata allo sviluppo ed alle risorse, in quanto conservare tutte le conversazioni significherebbe attivare una funzione specifica.

Un backup solo per lo stesso sistema operativo

Per nostra fortuna però, su ogni piattaforma, abbiamo la possibilità di salvare le nostre conversazioni, ed esportarle per leggerle su altri device. Inoltre potremo salvarle con alcuni tool, e recuperarle in un secondo momento. Ciò che non è possibile, ad oggi, è effettuare un backup su un tipo di sistema, (es: iOS di Apple) e recuperare lo stesso backup su un altro (es: Android). Il motivo è semplice, ogni sistema operativo usa per il backup dei diversi tool, e a parte Android, tutti gli altri S.O. non permettono di “scrivere” le cartelle del sistema per importare un eventuale storico da altri device. In definitiva, un backup importato con un sistema , ad oggi, e possibile solo importarlo sullo stesso sistema.

Avrete capito che su questa questione ci si può lavorare, e speriamo che il team di WhatsApp provveda a trovare una soluzione. Fino ad allora vediamo come poter effettuare un backup sui diversi sistemi operativi, e quindi, conservare lo storico per poterlo recuperare.

Backup su Android:

Su Android la gestione dello storico è molto semplice. Da questo S.O. potremo infatti avere facile accesso da PC o Mac sulla nostra scheda SD, e quindi recuperare la cartella “WhatsApp” da esportare. Questa cartella, (se esportata sul un altro smartphone Android nella stessa posizione) permetterà ad una nuova installazione di WhatsApp di recuperare un backup, avvisando l’utente nel momento dell’installazione in maniera semplice. Naturalmente per utilizzare il backup dovrete per forza di cose accedere con lo stesso account, e quindi, con lo stesso numero di telefono.

Backup su iOS:

Con iOS le cose diventano più “selezionate”. iOS infatti permette di effettuare il backup di WhatsApp tramite la funzione di iCloud o il backup di iTunes. Andando in impostazioni->Chat-> backup della chat avrete la possibilità di impostare un salvataggio automatico, oppure (meglio), salvare le attuali conversazioni. Successivamente, nel momento in cui farete l’accesso con lo stesso numero, e lo stesso account WhatsApp su un nuovo iDevice, vi verrà chiesto se vorrete recuperare lo storico delle conversazioni. Tramite iTunes invece vi basterà effettuare un semplice backup dell’intero dispositivo, per salvare anche i messaggi di WhatsApp. Con la stessa logica poi “importa da backup” tramite iTunes, potrete recuperare anche su altri iDevice le conversazioni passate.

Backup su BlackBerry:

Anche BlackBerry salva su memoria esterna le conversazioni, ma bisogna controllare manualmente. Per farlo dovrete andare dall’applicazione di messaggistica in impostazioni-> Impostazioni Media  e selezionare come salvataggio della cronologia messaggi Scheda di Memoria. Fatto questo, avrete le vostre conversazioni salvate sulla vostra scheda SD esterna, e potrete gestirle facilmente (come nel caso di Android) per esportarle ed importarle. Unica attenzione che dovrete prestare (se avete delle difficoltà) è di seguire questa piccola mini guida stilata dal team stesso.

Backup su Windows Phone:

Su Windows Phone avrete la possibilità semplicissima di effettuare un backup manuale, andando in impostazioni->Backup. Questo backup però potrà essere utilizzato solo per recuperare sullo stesso device le vostre conversazioni nel caso disinstalliate WhatsApp. Purtroppo non vi sarà possibile esportare questo backup neanche su altri Windows Phone. Anche in questo caso i dev devono darsi da fare per migliorare l’opzione.

Spero che questo articolo sia chiaro e di aiuto. In breve, avete visto come poter effettuare un backup di WhatsApp, e come per i diversi sistemi operativi dovrete procedere nel recupero delle eventuali conversazioni, che altrimenti andrebbero perse.

4 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA