Android Pay Root

Il responsabile della sicurezza del progetto Android Pay Jason Clinton ha voluto intervenire qualche giorno fa sul famoso forum di XDA per spiegare ai milioni di sviluppatori interessati nella realizzazione di ROM personalizzate che la nuova app Android Pay non sarà compatibile con ROM rooted e personalizzate per questioni di sicurezza.

Sembra infatti che l’innovativa app progettata da Google per i pagamenti tramite NFC “semplici”, si ritrovi davanti a combattere contro uno dei capi saldi del sistema “la personalizzazione Android” che sembrerebbe non essere compatibile con lo standard di sicurezza richiesto per la transazione NFC da terminali CTS-compliant per questa app.

Tutti coloro che hanno più dimestichezza con questi smartphone sanno bene infatti come sia relativamente semplice poter personalizzare qualsiasi smartphone attraverso procedure di root, le quali più volte anche qui su Telephoneline.it abbiamo spiegato. Queste però non solo possono invalidare la garanzia in alcuni casi, ma non permettono inoltre l’utilizzo di alcune applicazioni particolari (vedi Serie A Tim, Sky Go o altre).

Ora lo staff che ha sviluppato Android Pay si trova davanti a un bivio forzato nel quale da una parte c’è la richiesta di sicurezza delle società finanziarie e degli utenti stessi, e dall’altra la volontà di non perdere milioni di potenziali utenti che hanno deciso di installare ROM personalizzate sul device. Per ora in Italia Android Pay non è ancora utilizzabile, vedremo se per l’uscita il team si sarà inventato qualche soluzione particolare per portare Android Pay anche nei dispositivi con root, ad ora le speranze non sono molte.

Nessun Commento

LASCIA UNA RISPOSTA