Android N Novità

Google accorcia i tempi e nel giro di pochi giorni e in cicli sempre più ridotti presenta  la nuova versione di Android N che porta novità, fa molto rumore mediatico e interessa milioni di addetti ai lavori ed appassionati. La nuova versione di Android N porta con se alcune novità che come sempre interessano soprattutto chi è del “mestiere” e migliaia di smanettoni. Tra le novità più succose, oltre ad un minore restyling grafico, ci sono alcune news che riguardano delle funzionalità introdotte che andiamo a vedere di seguito in maniera approfondita.

Android N Multi-windowAndroid N: la funzionalità Multi-Window

la novità più di impatto in Android N è sicuramente la funzionalità Multi-Window. Tale funzione permette di utilizzare più applicazioni nello stesso tempo, non solo in multitasking, ma sullo stesso schermo attivando una sorta di split screen che permette di utilizzare in contemporanea entrambe le app.

Come visualizzato nell’immagine la funzione è stata pensata anche e soprattutto dato la tendenza di avere schermi sempre più ampi, che si prestano bene a questo tipo di utilizzo e facilitano la funzionalità aggiunta. Tale infatti direi sarebbe impensabile o quanto meno poco pratica da poter utilizzare su schermi dai 4 pollici in giù.

Notifiche: nidificazione e risposte

Ora direttamente dalla tendina delle notifiche si potrà rispondere a mail o messaggi senza aprire l’applicazione. Questa funzionalità aggiunta in Android N (che potete vedere in azione nel video qui sotto) permette in poche parole di abbassare la tendina del menù e rispondere direttamente a messaggi ed e-mail.

In più le notifiche ora veranno nidificate. Notifiche fatte da una stessa app (ad esempio Gmail) saranno inserite come “sotto notifiche” e potranno essere espanse o chiuse a piacimento (Video sotto), ordinando meglio di fatto la gestione visiva delle stesse.

Android N: una reale maggiore fluidità

Dalle prime recensioni della developer preview rilasciata poche ore fa(che ricordiamo essere disponibile tramite l’Android beta Program) sembra che Android N sia davvero più veloce e fluido. Cambiare schermata, aprire app e utilizzare il drawer sembra sarà più piacevole visto il numero di piccoli ma importanti aggiornamenti fatti a livello software, che migliorano le prestazioni totali del sistema.

Una fluidità piacevole che si spera verrà tenuta nelle diverse versioni rilasciate dalle rispettive case, e che da una prima impressione di Beta testing pubblicata direttamente su anandtech.com sembra addirittura essere più performante di iOS in quanto a reattività e fluidità del sistema. Potete vedere nel video sotto come si dimostra nell’utilizzo.

Android N: la modalità Doze Mode

La modalità Doze mode permette a tutti i possessori di smartphone dotati di Android 7.0 di risparmiare batteria risparmiando sulla quantità di operazioni svolte dallo smartphone durante l’inattività dello stesso. Al contrario di quello che si legge in alcuni portali questa non è un’assoluta novità, infatti si tratta di una tecnologia di risparmio energetico già introdotta in Android 6.0 come potete leggere qui, ma che in questo Android N vede un miglioramento, grazie ad una diversa gestione delle funzionalità in background in particolari situazioni (vedi durante un viaggio), che permettono allo smartphone di essere ancora più intelligente (e capire quando risparmiare energia). Naturalmente questo risparmio non influisce sulla reperibilità telefonica, ma inibisce per periodi attività in background che dovrebbero consumare energia inutile, utilizzando lo schema che potete visionare di seguito.

doze-diagram-1Ottimizzazione dei processi in background

A proposito dei processi in background, Android N migliora l’utilizzo e la qualità tecnica delle app modificando di fatto indicazioni tecniche che permettono alle applicazioni di terze parti di non effettuare richieste inutili in background. Richieste e attività che occupano solo spazio, rallentano i dispositivi e consumano batteria.

Scendendo più nel particolare i programmatori dovranno introdurre nelle loro applicazioni richieste precise per l’utilizzo di determinate funzionalità (vedi quelle relative alla camera app e alla connettività) che fino ad oggi venivano richiamate di default, di fatto consumando batteria e rallentando i processi.

Android N insomma, con queste migliorie, sembra il degno erede di una serie di sistemi operativi che fino ad oggi ha permesso a milioni di utenti di utilizzare il proprio smartphone in maniera intelligente e sempre migliore. Nonostante ancora Android Marshmallows non abbia quasi per nulla penetrato il mercato degli smartphone, rimanendo a quote di utilizzo e diffusione bassissime rispetto ai suoi predecessori, Google ha deciso comunque di presentare un nuovo sistema operativo.

Non sappiamo se la scelta è fatta anche a causa di pressioni di un mercato sempre più veloce ed esigente di novità, ma sta di fatto che a noi utenti goderci l’aggiornamento non infastidisce, ed anche se ci spingono ad acquistare un nuovo smartphone sempre più spesso, questo gioco, dando uno sguardo ai numeri di vendita, sembra non dispiacere più di tanto.

Nessun Commento

LASCIA UNA RISPOSTA